SEO e SEM: Due approcci differenti per incrementare il tuo business
03 Lug 2017

SEO e SEM: Due approcci differenti per incrementare il tuo business

Due metodologie per aumentare la tua visibilità

03 Lug 2017

Due metodologie per aumentare la tua visibilità sul web

Una premessa dovuta: la mia è una sintesi della sintesi rivolta ai non addetti ai lavori, a chiunque sia titolare di un sito web.

Un argomento legato alla quotidianità di ogni Web Agency, la domanda delle domande che giornalmente mi pongono.

Andiamo al sodo…

Una delle prime esigenze dell’imprenditore che deve affermare la presenza della propria azienda sul web è quella di farsi trovare nei meandri della rete, non basta un bel sito.

Per capire se quello che seguirà è di vostro interesse, vi basti sapere che queste due tecniche (Search Engine Optimization e Search Engine Marketing) sono fondamentali per indicizzare e posizionare il sito web sui motori di ricerca, con il SEO portiamo traffico organico, cioè naturale e “gratuito”, con il SEM traffico a pagamento.

Le principali differenze tra le due tecniche e quale scegliere per la tua strategia!

La tecnica SEO consiste in un’ottimizzazione dei contenuti volta ad incrementare le possibilità di comparire con il tuo sito web nelle prime posizioni nei risultati di ricerca.

A decidere se il tuo contenuto è utile alla ricerca dell’utente è il motore di ricerca che, grazie ad un sofisticato algoritmo che si aggiorna periodicamente, assegna più o meno valore alla pagina web.

Per far sì che il tuo sito web scali le posizioni nei risultati di ricerca, il SEO interviene su due macro aree che noi operatori del settore definiamo: On-Page SEO e Off-Page SEO

A tal proposito voglio accennare qualche fondamentale che spero possa esserti utile:

OnPage SEO

  1. I contenuti devono essere realmente interessanti, strutturali in modo corretto utilizzando i titoli e inserisci le keywords (senza esagerare) con le quali vorresti essere indicizzato
  2. Ottimizza meta dati, meta description ed inserisci immagini con gli attributi “ALT”
  3. Struttare in modo corretto anche le Url del sito, devi sviluppare una struttura secondo uno schema organizzato e funzionale;
  4. Ricordati di non appesantire troppo le tue pagine web, la velocità di caricamento incide sul posizionamento
  5. Offri sempre la possibilità di condividere i tuoi contenuti sui social, ovviamente rispettando le attuali normative sulla privacy (informati sui cookies e sulla raccolta dati)

OffPage SEO

Potrei definirli grossolanamente effetti collaterali…

  1. Devi produrre contenuti originali e interessanti, questo aumenterà le probabilità che altri siti/portali inseriscano link che puntano al tuo sito web (backlink) accrescendone la reputazione on line(attività di link building)
  2. Tendi ad aumentare il traffico proveniente dalle condivisioni social

Questi sono solo alcuni consigli che spero possano esserti utili per produrre contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, ricorda che abbiamo ultra sintetizzato, solo accennato un argomento di per se vastissimo.

Search Engine Marketing (SEM)

In questo caso si tratta di acquisto di traffico da ricerca!

L’acronimo SEM, ad oggi, viene utilizzato per indicare le tecniche che puntano a portare traffico a pagamento selezionando parole chiavi e query di ricerca.
Il SEM permette di definire un target di potenziali utenti, attraverso la combinazione di uno spot e un elenco di parole chiavi proporrai loro il tuo sito web.

Il tuo spot verrà visualizzato al di sopra dei risultati organici, avrai visibilità immediata sul web.

Google Adwords al momento è lo strumento più utilizzato per fare SEM, anche Facebook ha il suo sistema di advertising ma, a mio avviso, ancora “rozzo”, con grandi potenzialità ma non ancora ben strutturato.

Per avviare una campagna con Google AdWords necessiterebbero diversi step:

  1. Creare una nuova campagna con un audience specifico (ad esempio le località geografiche in cui vuoi mostrare il tuo annuncio)
  2. Creare un gruppo di parole chiave (keywords)
  3. Produrre uno spot/annuncio accattivante usando le keywords individuate ed attinente con i contenuti del tuo sito web
  4. Stabilire un budget
  5. Monitorare l’andamento della campagna e valutare il tasso di conversione

Indubbiamente queste sono solo alcune indicazioni generali di partenza, anche in questo caso possono fornirti un’idea di massima per i tuoi approfondimenti.

A questo punto, qual’è la strategia più opportuna per il tuo business? SEO o SEM?

La soluzione migliore sarebbe metterle in campo entrambi. Un dato che potrebbe aiutarti nella scelta è il fattore tempo. Il SEO è forse imprescindibile non tanto per avere risultati immediati ma per una corretta ottimizzazione del sito e per ambire ad un posizionamento nel lungo periodo.

D’altro canto un investimento in SEM,  ti consente di posizionarti subito nelle prime pagine dei motori, otterrai visibilità immediata sino all’esaurimento del budget o alla sospensione della campagna.

Concludo con una mia opinione personale: in una buona strategia di comunicazione SEO e SEM dovrebbero coesistere, con il SEO ottimiziamo il contenuto e con il SEM otteniamo visibilità immediata per il tuo prodotto o per il tuo servizio.

Sei interessato ad approfondire l’argomento? Hai domande?  QUI  trovi i miei contatti.

Se ti è piaciuto questo questo articolo regalami un “Mi piace” cliccando sul pulsante qua sotto.

Grazie e a presto!

 

Leave a comment
More Posts
Comments

Comments are closed.